Prendersi cura di chi cura
prendersi-cura
Prensersi-cura_6374
Prendersi-cura_6384ok
Prendersi-cura_6367

Prendersi cura di chi cura

I destinatari sono gli operatori che lavorano all’interno delle strutture di assistenza e presa in carico delle persone con disabilità. A loro è dedicato uno spazio di benessere racchiuso nella cornice naturale de La Ca’ di Asu.

Stare bene, per potersi prendere cura di chi ha più bisogno: questa è la finalità del progetto. 

L’intento è di creare uno spazio di benessere in un luogo relazionale di prossimità e incontro, a contatto con la natura e con un animale altamente empatico quale l’asino.

L’idea progettuale scaturisce nel periodo pandemico del 2020, anno di limitazioni e cambiamenti che hanno colpito anche il settore socio sanitario, mettendo a dura prova la salute psicofisica di chi già opera in un contesto ad alto rischio di burnout. Gli incontri, pertanto, hanno gli obiettivi di prevenire e alleviare lo stress psicofisico ed emotivo, favorendo uno stato di benessere e riequilibrio nei partecipanti.

Il percorso prevede attività di gruppo, in cui vengono utilizzate diverse tecniche e metodologie: scrittura poetica con il Metodo Caviardage®, mindfulness, suono armonico con le campane tibetane, esercizi di contatto profondo con il proprio corpo. Lo sguardo dell’asino, dolce e profondo, aiuta a prestare attenzione al momento presente; la sua presenza durante l’interazione libera regala momenti di leggerezza e spontaneità.

Gli operatori hanno accolto le proposte con entusiasmo, apprezzando la possibilità di vivere esperienze di condivisione a un livello mai approfondito nel proprio contesto lavorativo. In considerazione dei riscontri positivi emersi, l’associazione intende riproporre il progetto, coinvolgendo il personale dei servizi socioassistenziali del territorio piemontese.

Hai interesse per questo progetto?

Vuoi contribuire con una donazione?